Secondi

Zuppa di legumi, con pane nero aromatizzato all’origano di Pantelleria.

Devo ammettere che ho cominciato a cucinare questa zuppa solo l’estate scorsa, dopo averla vista preparare in tv da un noto chef e, a casa mia, se ne sono innamorati subito tutti.

Ovviamente l’ho un po’ riadattata ai nostri gusti, e non la preparo mai allo stesso modo.

O meglio, la base della zuppa resta sempre invariata, mentre gli ingredienti di accompagnamento li faccio variare ogni volta. In quest’occasione ho utilizzato del pane nero raffermo, altre volte l’ho guarnita con delle pepite di pancetta croccante, ed infine la si può accompagnare anche con dei gamberi e calamari spadellati al momento.

Insomma, potete dare libero sfogo alla fantasia.

Qui vi propongo la versione più apprezzata dalla mia famiglia.

Quindi cuoche, ma perché no, anche cuochi, allacciate i grembiuli… pronti, attenti… via!

Ingredienti per 4 persone:

50 gr. di fagiolo coco nano

50 gr. di fagiolo zolfino

50 gr. di cecio rosa

50 gr. di fagiolo dell’occhio

1 costa di sedano

2 carote medie

1 cipolla rossa

2 spicchi d’aglio

200 gr. di pane nero raffermo

1 cucchiaino di triplo concentrato di pomodoro

1 rametto di rosmarino

2-3 foglie di salvia

Olio evo q.b

Sale q.b

Pepe q.b

Origano di Pantelleria q.b

Preparazione:

Mettete in ammollo i legumi per circa 8 ore.

Lavate e pelate accuratamente le verdure. Tritate finemente il sedano, la carota, la cipolla ed uno spicchio d’aglio.

In un capiente tegame versate due cucchiai abbondanti di olio extravergine d’oliva e fate rosolare tutte le verdure tritate, aggiustate di sale.

Nel frattempo scolate i legumi e sciacquateli abbondantemente sotto acqua corrente. Una volta che il trito sarà pronto, aggiungete fagioli e ceci, aggiustate di sale e pepe, e lasciate andare il tutto per qualche minuto. Dopodichè coprite con circa 750 ml di acqua (o brodo vegetale se preferite).

Portate la fiamma al minimo e lasciate cuocere per circa un’ora e mezza. Non dimenticate di aggiungere il rosmarino, la salvia ed il triplo concentrato di pomodoro solo a metà cottura. E’ molto importante che il tutto resti coperto dall’ acqua o dal brodo, quindi se durante la cottura vedrete che diminuisce, aggiungetene ancora.

Quando la vostra zuppa sarà quasi pronta, prendete il pane nero, tostatelo e solo successivamente strusciate un po’ d’aglio sulle fette; cospargete con olio, sale e l’origano di Pantelleria e tagliate a cubetti. Driiiin, il timer ha suonato e siamo pronti per impiattare.

Adagiate i cubetti di pane sul fondo del piatto, versate sopra la zuppa e servite fumante, nelle freddi e piovose sere d’inverno; e perché no, magari accompagnato da un buon calice di vino rosso e una soave melodia jazz in sottofondo.

Buon appetito… piatto pulito!

DSC_0896

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...